Quanto è dato sapere sulla Beccaccia e dintorni/Il selvatico più selvatico.

Quanto è dato sapere sulla Beccaccia e dintorni/Il selvatico più selvatico.
Edito, a dicembre 2009, da Calabria Letteraria-Gruppo Rubbettino.

La beccaccia (scolopax rusticola), qui trattata partendo dalla indagine bibliografica a quella più strettamente naturalistica – conservazionistica, viene esaminata nella storia, nella morfologia, nella genetica e nel comportamento, soprattutto quando è innanzi al cane e all’uomo-predatore.Il tutto è corredato da diversi approfondimenti, come la migrazione, la nidificazione, il passo e il ripasso, dieta e attività fisica del beccacciaio, e tanto altro. Non sono escluse divertenti curiosità , ironie, proverbi, riflessioni beccacciare e non.Le pagine sono arricchite da disegni, tavole e foto inedite dell’autore, tutte in bianco e nero «non c’è colore che possa competere in luminosità  col bianco o prevalere sopra il nero». La profondità  dei sentimenti, delle emozioni, delle riflessioni e delle citazioni in esse contenute derivano da esperienze e osservazioni personali, annotate e documentate nel tempo, e meno da quelle aneddotiche tratte dal mondo venatorio (colpevole, anche quello sano e vero, di essere incapace ad alzare la testa) e da quello editoriale ricorrente che è, quasi sempre, partigiano nel senso dello spirito di parte. Tutto è stato scritto in funzione di un corretto prelievo del passato e del presente, con qualche accenno a quello del futuro: se la caccia avrà  un futuro?